detrazioni fiscali edilizia 2017
Anche per tutto il 2017 la legge di bilancio ha stabilito che il settore edile potrà beneficiare di bonus e detrazioni fiscali per interventi di ristrutturazione, interventi antisismici, interventi di riqualificazione energetica ed arredi interni (bonus mobili). Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e quali sono i vincoli imposti.

DETRAZIONI FISCALI PER RISTRUTTURAZIONE (DETRAZIONE DEL 50%)

Il bonus ristrutturazione edilizia 2017 prevede una detrazione fiscale del 50% delle spese sostenute per gli interventi di ristrutturazione edilizia.

Si potranno detrarre dall’Irpef  in 10 rate annuali il 50% delle spese sostenute per gli interventi di ristrutturazione edilizia sugli immobili ad uso residenziale, fino ad un massimo di 96.000 euro per ciascuna unità.

Si potrà beneficiare della detrazione fiscale per i seguenti interventi:

  1. manutenzione straordinaria
  2. ristrutturazione edilizia
  3. risanamento conservativo
  4. manutenzione ordinaria sulle parti comuni dell’edificio

Potranno beneficiare del bonus i seguenti soggetti:

  • i proprietari dell’immobile
  • gli inquilini in affitto
  • gli usufruttuari
  • i nudi proprietari

DETRAZIONI FISCALI PER RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA (DETRAZIONE 65%)

Per chiunque volesse procedere con la riqualificazione energetica del proprio immobile è prevista una detrazione fiscale del 65% – anche detta ecobonus – che consente di detrarre il 65% delle spese sostenute in 10 rate annuali di pari importo.

La detrazione può essere richiesta secondo le seguenti indicazioni:

  • fino a 100.000 € per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti
  • fino a 60.000 € per interventi sull’involucro di un edificio già esistente (pareti e finestre su edifici esistenti)
  • fino a 60.000 € per installazione di pannelli solari
  • fino a 60.000 € per acquisto e posa in opera delle schermature solari
  • fino a 30.000 € per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale
  • fino a 30.000 per acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili

Possono beneficiare della detrazione tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento.

DETRAZIONI FISCALI PER RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DELLE PARTI COMUNI (DETRAZIONE 65%, 70%, 75%)

Questa agevolazione fiscale è riferita agli interventi di riqualificazione energetica eseguiti sulle parti comuni di condomini ed istituti autonomi per le case popolari. Per questa particolare tipologia di interventi è prevista una detrazione del 65% delle spese sostenute fino al 31 dicembre 2021

Inoltre sarà possibile beneficiare di un aumento della detrazione in se si dovessero verificare queste casistiche:

  • se gli interventi di riqualificazione energetica delle parti comuni di edifici condominiali che interessano almeno il 25% della superficie disperdente lorda dell’intero edificio si potrà beneficare di una detrazione del 70% per le spese sostenute dal primo gennaio 2017 fino al 31 dicembre 2021;
  • se gli interventi di riqualificazione energetica sulle parti comuni di edifici condominiali conseguano la qualità media di cui al dm 26 giugno 2015 si potrà beneficiare di una detrazione del 75%.

L’importo massimo della detrazione non potrà superare i 40.000 euro moltiplicato il numero delle unità immobiliari.

Per usufruire dell’agevolazione è necessaria l’asseverazione mediante APE (Attestato di prestazione energetica) di un tecnico abilitato. L’Enea disporrà controlli a campione e la mancata rispondenza con quanto dichiarato, determinerà la decadenza del beneficio.

BONUS MOBILI, DETRAZIONE FISCALE PER ACQUISTO DI MOBILI E GRANDI ELETTRODOMESTICI

Chi dovesse acquistare mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) in tutto il 2017, per arredare un immobile oggetto di ristrutturazione – iniziata a partire dal 1 gennaio 2016 – potrà beneficiare di una detrazione Irpef del 50% del prezzo d’acquisto in 10 anni fino ad un massimo di 10.000 €.

Se invece l’acquisto è stato fatto nel periodo compreso tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2016, il presupposto per poter usufruire della detrazione rimane quello di aver sostenuto spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio a partire dal 26 giugno 2012.

Gli interventi per i quali si può beneficiare del bonus mobili sono i seguenti:

  1. manutenzione straordinaria
  2. restauro e risanamento conservativo
  3. ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti
  4. manutenzione ordinaria su parti comuni

Per beneficiare delle detrazioni è necessario effettuare il pagamento dell’acquisto e delle spese di trasporto e montaggio mediante:

  1. bonifico (va bene anche quello ordinario)
  2. carta di debito
  3. carta di credito

Non sono consentiti altir metodi di pagamento come contanti o assegno.

SISMABONUS, DETRAZIONE FISCALE PER INTERVENTI ANTISISMICI (DETRAZIONI 50%, 70%, 75%, 80%, 85%)

È possibile ricevere una detrazione del 50%, delle spese sostenute dal 1° gennaio 2017 a tutto il 2021 per la realizzazione di interventi antisismici in zona ad alta pericolosità sismica (zona 1 e 2) su edifici adibiti ad abitazioni e attività produttive.

La detrazione è ripartita in 5 quote costanti annuali (invece che 10) ed è estesa anche per gli edifici che ricadono in zona 3.

Sono previste inoltre detrazioni maggiori nei seguenti casi:

  • detrazione al 70% qualora gli interventi antisismici consentano il passaggio ad una classe di rischio sismico inferiore
  • detrazione al 80% qualora gli interventi antisismici consentano il passaggio a 2 classi di rischio sismico inferiore
  • detrazione al 75% qualora gli interventi antisismici siano relativi a parti comuni di edifici condominiali e consentano il passaggio ad una classe di rischio sismico inferiore
  • detrazione al 85% qualora gli interventi antisismici siano relativi a parti comuni di edifici condominiali e consentano il passaggio a 2 classi di rischio sismico inferiore

Al riguardo precisiamo che si attendono le linee guida sulla classificazione di rischio sismico delle costruzioni, da emanarsi entro il 28 febbraio 2017.

Anche le spese tecniche per la classificazione e la verifica sismica dell’immobile sono detraibili.

BONUS ALBERGHI (CREDITO D’IMPOSTA FINO AL 50%)

Secondo il bonus alberghi 2017 è previsto il riconoscimento del credito di imposta per le imprese alberghiere (hotel, agriturismi) già attive al primo gennaio 2012 che effettuano interventi edilizi un credito d’imposta nella misura del 50% delle spese sostenute fino ad un massimo di 200.000 euro.
Il credito è concesso per i periodi 2017, 2018, 2019.

Perchè perdere questa occasione?

Ristruttura il tuo immobile e beneficia delle detrazioni fiscali! Contattaci senza impegno per parlare con un nostro tecnico.

SCOPRI COME RISTRUTTURARE CASA

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Sommario dell'articolo
Bonus e detrazioni fiscali 2017 per ristrutturazioni ed altri interventi edili
Titolo
Bonus e detrazioni fiscali 2017 per ristrutturazioni ed altri interventi edili
Descrizione
Anche per tutto il 2017 la legge di bilancio ha stabilito che il settore edile potrà beneficiare di bonus e detrazioni fiscali per interventi di ristrutturazione, interventi antisismici, interventi di riqualificazione energetica ed arredi interni (bonus mobili). Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e quali sono i vincoli imposti.
Autore
Pubblicato da:
Studio Magnano & Partners
Logo
[Voti: 2    Media Voto: 5/5]
Shares